Connect with us
https://cybersecuritynews.site/wp-content/uploads/2021/11/zox-leader.png

Published

on

The Ultimate Managed Hosting Platform

Kieran Upadrasta è un architetto della sicurezza informatica, consulente per la sicurezza delle informazioni e responsabile del rischio, che ha un’esperienza di 25 anni di lavoro in un’ampia gamma di settori.

Kieran Upadrasta è un sicurezza informatica architetto e guida con oltre 25 anni di esperienza nella valutazione d’impresa, consulenza, tecnica tecnica di sicurezza, struttura, governance, valutazione della sicurezza, valutazione del rischio e amministrazione del pericolo.

Oltre ad essere una guida alla sicurezza informatica, offre anche alle aziende come un sicurezza delle informazioni guida e supervisore dei pericoli con oltre 25 anni di esperienza in numerosi settori. È inoltre un membro della task force CISSP, CISM, certificato CRISC e Cyber ​​Defense.

Kieran Upadrasta può essere un ricercatore InfoSec, medaglia d’oro al college, consulente di copertura e testimone professionale.

Kieran Upadrasta è un professionista in numerosi campi. Alcuni di loro sono:

– Professionista nella risposta agli incidenti

– Amministrazione del disastro

– Amministrazione degli incidenti importanti e principali (MiM)

– Coinvolgimento degli stakeholder

– Necessità di mappatura e amministrazione

Kieran Upadrasta è uno specialista in diversi settori. Sono i seguenti:

– Governance- Copertura, Autorizzazione, Conformità alle normative, Investigazioni, Forensics, COBIT, Archer eGRC, CIDSS, GDPR, Sicurezza delle informazioni e SOX

– Copertura, requisiti, Framework, Audit-ISO27001, SAS 70

– Gestione delle minacce-SARA, SPRINT e IRAM

– Gestione delle minacce- Arbor SP Peakflow, Forefront TMS, Mitigazioni DDOS, Akamai Kona defender, Siteshield, Modellazione minaccia, Ricerca minaccia, Intel

– Gestione delle vulnerabilità- Qualys, Tenable Nessus, Foundstone

– Pianificazione strategica, Struttura della sicurezza – Creazione HLD e LLD, struttura aziendale –TOGAF

– Amministrazione ID e Entry IAM– AD, Azure AD, Okta, CyberArk, PAM

– Perdita di informazioni e prevenzione delle frodi – Symantec DLP, Superior Persistent Menace APT, Person Conduct Analytics UBA

– Piattaforme di sicurezza informatica: CrowdStrike, Palo Alto Networks, SentinelOne, M365 Defender, Falcon Sensors, McAfee, Symantec, Carbon Black, Fortinet, FireEye, Cylance, MITRE ATT&CK Framework, Endpoint & Cloud Safety, Detection, And Response (EDR), Falcon X, Breach Prevention, Amministrazione delle vulnerabilità, Ricerca delle minacce, Zero Belief, Sicurezza dei container, NGAV, Gestione dei gadget, Amministrazione del firewall, Intelligenza sintetica, Automazione

Piattaforme cloud –AWS, Azure, Google Cloud Platform (GCP) e scienze applicate nel cloud

– Automazione – Ansible, Kubernetes, Docker, Terraform, Jenkins, Python

Amministrazione – Compiti, ingegneria e operazioni di sicurezza

– SIEM: Arcsight ESM, Qradar, Splunk, LogRhythm, RSA Safety Analytics, Envision

– Firewall, IDS, IPS – Checkpoint, McAfee, Cisco, Juniper, ISS, Snort, Sourcefire, Net Software Firewall WAF

– Crittografie, VPN, IPsec, PKI, Endpoint – Avvio sicuro, Pointsec, CrowdStrike

– Proxy, filtraggio del materiale dei contenuti – Bluecoat, Zscaler, Finjan, Ironport

Agile, Prince2, DevOps, DevSecOps

Finora Kieran aveva già lavorato con un paio di aziende di sicurezza. Ha inoltre collaborato con la Monetary Conduct Authority FCA, Prudential Regulation Authority.

È inoltre certificato in CISM, CRISC, CISSP, CCSE, CCSP, CCNA Safety, JNCIS-FWV, MBA e BEng.

Kieran ha inoltre ottenuto premi per il suo lavoro. Alcuni dei premi che ha acquisito sono The Circle of Excellence Award, The Excessive Flyers Award e The Tremendous Coach Award.

Per ulteriori dettagli, vai a www.kieranupadrasta.com.

LinkedIn- https://uk.linkedin.com/in/kieranupadrasta

Informazioni su Kieran Upadrasta:

Kieran Upadrasta ha oltre 25 anni di esperienza nella valutazione d’impresa, consulenza, tecnica tecnica di sicurezza, struttura, governance, valutazione della sicurezza, valutazione del rischio e amministrazione del pericolo. Ha 25 anni di esperienza in vari settori e lavora come guida alla sicurezza informatica, guida alla sicurezza informatica e supervisore dei pericoli. È inoltre un membro della pressione di attività CISSP, CISM e CRISC e un membro della pressione di attività di difesa informatica.

Contatto con i media

Identificazione dell’azienda: Kieran Upadrasta

Persona di contatto: Press Workplace

E-mail identificativo utente: info@kieranupadrasta.com

Sito web: https://www.kieranupadrasta.com

Nazione: Regno Unito

Immagine ottenere collegamento ipertestuale: https://www.dropbox.com/s/so4gtwnk1o6rfuc/Kieran%20Upadrasta.png?dl=0


[ad_2]
Source link

Continue Reading

Ultime notizie

Cosa sono gli ID ombra e in che modo sono fondamentali nel 2022? – Le ultime notizie sulla sicurezza informatica | Aggiornamenti sugli attacchi malware

Published

on

What Are Shadow IDs, and How Are They Crucial in 2022?

The Ultimate Managed Hosting Platform

Il sindacato Black Basta ransomware-as-a-service (RaaS) ha accumulato quasi 50 vittime negli Stati Uniti, in Canada, negli Stati Uniti, in Australia e in Nuova Zelanda entro due mesi dalla sua comparsa in natura, rendendolo un eccezionale rischio in una breve finestra.

“Black Basta è stato notato concentrandosi su una vasta gamma di settori, insieme a produzione, sviluppo, trasporti, telecomunicazioni, farmaci prescritti, cosmetici, impianti idraulici e riscaldamento, venditori di veicoli, produttori di biancheria intima e altro”, Cybereason disse in un rapporto.

Proprio come diverse operazioni di ransomware, Black Basta utilizza la tattica collaudata della doppia estorsione per saccheggiare informazioni delicate dagli obiettivi e minacciare di pubblicare le informazioni rubate a meno che non venga effettuato un costo digitale.

Un nuovo arrivato nel già affollato panorama dei ransomware, le intrusioni che comportano il rischio hanno QBot con leva (aka Qakbot) come canale per prendersi cura della persistenza sugli host compromessi e raccogliere le credenziali, prima del trasferimento laterale all’interno della community e della distribuzione del malware di crittografia dei file.

Inoltre, gli attori dietro Black Basta hanno sviluppato una variante Linux progettata per colpire le macchine digitali (VM) VMware ESXi che lavorano su server aziendali, mettendola alla pari con diversi team simili a LockBit, Hive e Cheerscrypt.

I risultati arrivano perché il sindacato di criminali informatici ha aggiunto Elbit Techniques of America, un produttore di opzioni di protezione, aerospaziale e sicurezza, all’elenco delle sue vittime durante il fine settimana, secondo al ricercatore sulla sicurezza Ido Cohen.

Si presume che Black Basta sia composto da membri appartenenti al Gruppo Conti dopo quest’ultimo chiuso le sue operazioni in risposta a un controllo elevato dell’applicazione della legislazione e a una grave fuga di notizie che ha notato che i suoi strumenti e le sue tecniche sono entrati nell’area pubblica in generale dopo essersi schierati con la Russia nel conflitto della nazione nei confronti dell’Ucraina.

“Non posso sparare a qualcosa, tuttavia posso combattere con tastiera e mouse”, ha consigliato lo specialista di PC ucraino dietro la fuga di notizie, che si fa chiamare Danylo e ha lanciato il tesoro della conoscenza come una sorta di punizione digitale CNN nel marzo 2022.

Da allora lo staff di Conti ha confutato che sia imparentato con Black Basta. L’ultima settimana, ecco dismesso l’ultima della sua restante infrastruttura rivolta al pubblico, insieme a due server Tor utilizzati per divulgare informazioni e negoziare con le vittime, segnando la fine ufficiale dell’impresa criminale.

Nel frattempo, il gruppo ha continuato a curare la facciata di un’energica operazione di prendendo di mira il governo costaricanomentre alcuni membri sono passati a diversi ransomware e il modello ha subito un rinnovamento organizzativo che lo ha visto trasformarsi in sottogruppi più piccoli con motivazioni e mode aziendali totalmente diverse, a partire dal furto di conoscenza fino al lavoro come associati imparziali.

Basato su a rapporto completo da Group-IB che descrive in dettaglio le sue azioni, si ritiene che il gruppo Conti abbia vittimizzato più di 850 entità perché è stato notato per la prima volta nel febbraio 2020, compromettendo oltre 40 organizzazioni in tutto il mondo come parte di una follia di hacking “fulminea” durata da novembre dal 17 al 20 dicembre 2021.

Sicurezza informatica

Soprannominato “ARMattacco” dall’azienda con sede a Singapore, le intrusioni erano state dirette principalmente verso organizzazioni statunitensi (37%), adottate da Germania (3%), Svizzera (2%), Emirati Arabi Uniti (2%), Paesi Bassi, Spagna, Francia, Repubblica Ceca, Svezia, Danimarca e India (1% ciascuno).

I 5 settori più elevati tradizionalmente focalizzati da Conti sono stati manifatturiero (14%), immobili (11,1%), logistica (8,2%), aziende specializzate (7,1%) e commercio (5,5%), con gli operatori che individuano in particolare le società negli Stati Uniti (58,4%), Canada (7%), l’U.Okay. (6,6%), Germania (5,8%), Francia (3,9%) e Italia (3,1%).

“L’esercizio elevato di Conti e la fuga di informazioni consigliano che il ransomware non è uno sport tra i comuni costruttori di malware, ma un commercio RaaS di contrabbando che offre lavoro a un intero gruppo di criminali informatici in tutto il mondo con varie specializzazioni”, ha affermato Ivan Pisarev di Group-IB.

“Su questo commercio, Conti è un famigerato partecipante che ha la verità è stata creata una ‘azienda IT’ il cui obiettivo è estorcere ingenti somme. È chiaro […] che il gruppo proseguirà le sue operazioni, sia da solo che con l’assistenza dei suoi compiti “sussidiari”.


[ad_2]
Source link

Continue Reading

Ultime notizie

Avvertimento per i sistemi di controllo industriale: la ricerca scopre 56 vulnerabilità “non sicure in base alla progettazione” in due dozzine di dispositivi OT – Le ultime notizie sulla sicurezza informatica | Aggiornamenti sugli attacchi malware

Published

on

CPO Magazine - News, Insights and Resources for Data Protection, Privacy and Cyber Security Leaders

The Ultimate Managed Hosting Platform

Il sindacato Black Basta ransomware-as-a-service (RaaS) ha accumulato quasi 50 vittime negli Stati Uniti, in Canada, negli Stati Uniti, in Australia e in Nuova Zelanda entro due mesi dalla sua comparsa in natura, rendendolo un eccezionale rischio in una breve finestra.

“Black Basta è stato notato concentrandosi su una vasta gamma di settori, insieme a produzione, sviluppo, trasporti, telecomunicazioni, farmaci prescritti, cosmetici, impianti idraulici e riscaldamento, venditori di veicoli, produttori di biancheria intima e altro”, Cybereason disse in un rapporto.

Proprio come diverse operazioni di ransomware, Black Basta utilizza la tattica collaudata della doppia estorsione per saccheggiare informazioni delicate dagli obiettivi e minacciare di pubblicare le informazioni rubate a meno che non venga effettuato un costo digitale.

Un nuovo arrivato nel già affollato panorama dei ransomware, le intrusioni che comportano il rischio hanno QBot con leva (aka Qakbot) come canale per prendersi cura della persistenza sugli host compromessi e raccogliere le credenziali, prima del trasferimento laterale all’interno della community e della distribuzione del malware di crittografia dei file.

Inoltre, gli attori dietro Black Basta hanno sviluppato una variante Linux progettata per colpire le macchine digitali (VM) VMware ESXi che lavorano su server aziendali, mettendola alla pari con diversi team simili a LockBit, Hive e Cheerscrypt.

I risultati arrivano perché il sindacato di criminali informatici ha aggiunto Elbit Techniques of America, un produttore di opzioni di protezione, aerospaziale e sicurezza, all’elenco delle sue vittime durante il fine settimana, secondo al ricercatore sulla sicurezza Ido Cohen.

Si presume che Black Basta sia composto da membri appartenenti al Gruppo Conti dopo quest’ultimo chiuso le sue operazioni in risposta a un controllo elevato dell’applicazione della legislazione e a una grave fuga di notizie che ha notato che i suoi strumenti e le sue tecniche sono entrati nell’area pubblica in generale dopo essersi schierati con la Russia nel conflitto della nazione nei confronti dell’Ucraina.

“Non posso sparare a qualcosa, tuttavia posso combattere con tastiera e mouse”, ha consigliato lo specialista di PC ucraino dietro la fuga di notizie, che si fa chiamare Danylo e ha lanciato il tesoro della conoscenza come una sorta di punizione digitale CNN nel marzo 2022.

Da allora lo staff di Conti ha confutato che sia imparentato con Black Basta. L’ultima settimana, ecco dismesso l’ultima della sua restante infrastruttura rivolta al pubblico, insieme a due server Tor utilizzati per divulgare informazioni e negoziare con le vittime, segnando la fine ufficiale dell’impresa criminale.

Nel frattempo, il gruppo ha continuato a curare la facciata di un’energica operazione di prendendo di mira il governo costaricanomentre alcuni membri sono passati a diversi ransomware e il modello ha subito un rinnovamento organizzativo che lo ha visto trasformarsi in sottogruppi più piccoli con motivazioni e mode aziendali totalmente diverse, a partire dal furto di conoscenza fino al lavoro come associati imparziali.

Basato su a rapporto completo da Group-IB che descrive in dettaglio le sue azioni, si ritiene che il gruppo Conti abbia vittimizzato più di 850 entità perché è stato notato per la prima volta nel febbraio 2020, compromettendo oltre 40 organizzazioni in tutto il mondo come parte di una follia di hacking “fulminea” durata da novembre dal 17 al 20 dicembre 2021.

Sicurezza informatica

Soprannominato “ARMattacco” dall’azienda con sede a Singapore, le intrusioni erano state dirette principalmente verso organizzazioni statunitensi (37%), adottate da Germania (3%), Svizzera (2%), Emirati Arabi Uniti (2%), Paesi Bassi, Spagna, Francia, Repubblica Ceca, Svezia, Danimarca e India (1% ciascuno).

I 5 settori più elevati tradizionalmente focalizzati da Conti sono stati manifatturiero (14%), immobili (11,1%), logistica (8,2%), aziende specializzate (7,1%) e commercio (5,5%), con gli operatori che individuano in particolare le società negli Stati Uniti (58,4%), Canada (7%), l’U.Okay. (6,6%), Germania (5,8%), Francia (3,9%) e Italia (3,1%).

“L’esercizio elevato di Conti e la fuga di informazioni consigliano che il ransomware non è uno sport tra i comuni costruttori di malware, ma un commercio RaaS di contrabbando che offre lavoro a un intero gruppo di criminali informatici in tutto il mondo con varie specializzazioni”, ha affermato Ivan Pisarev di Group-IB.

“Su questo commercio, Conti è un famigerato partecipante che ha la verità è stata creata una ‘azienda IT’ il cui obiettivo è estorcere ingenti somme. È chiaro […] che il gruppo proseguirà le sue operazioni, sia da solo che con l’assistenza dei suoi compiti “sussidiari”.


[ad_2]
Source link

Continue Reading

Ultime notizie

Avviso CISA Log4Shell: patch immediatamente le installazioni di VMware Horizon – Le ultime notizie sulla sicurezza informatica | Aggiornamenti sugli attacchi malware

Published

on

CISA Log4Shell warning: Patch VMware Horizon installations immediately

The Ultimate Managed Hosting Platform

I ricercatori hanno rilevato 56 vulnerabilità che interessano i gadget di 10 distributori di competenze operative (OT), la maggior parte delle quali sono state attribuite a difetti di progettazione intrinseci negli strumenti e a una strategia lassista per la sicurezza e l’amministrazione delle minacce che hanno afflitto l’azienda per molti anni, hanno affermato.

Le vulnerabilità, presenti nei gadget di rinomati distributori Honeywell, Emerson, Motorola, Siemens, JTEKT, Bentley Nevada, Phoenix Contact, Omron, Yogogawa oltre a un produttore senza nome, variano in base ai loro tratti e a ciò che consentono agli attori minacciosi di fare, in linea con l’analisi dei Vedere Labs di Forescout.

Tuttavia, in generale, “l’impressione di ogni vulnerabilità è eccessiva a seconda delle prestazioni che ogni macchina offre”, in linea con un post sul blog per quanto riguarda i difetti stampati martedì.

I ricercatori hanno suddiviso il tipo di difetto che presentano in ogni merce in 4 classi fondamentali: protocolli ingegneristici insicuri; crittografia debole o schemi di autenticazione danneggiati; aggiornamenti firmware non sicuri; o esecuzione di codice a distanza tramite prestazioni native.

Tra le molte azioni in cui gli attori minacciosi possono interagire sfruttando i fallimenti su una macchina interessata includono: esecuzione di codice a distanza (RCE), con codice eseguito in numerosi processori specializzati e contesti completamente diversi all’interno di un processore; Denial of Service (DoS) che può portare uno strumento completamente offline o bloccare l’accesso a prestazioni sicure; manipolazione di file/firmware/configurazione che consente a un utente malintenzionato di variare le funzionalità necessarie di uno strumento; compromissione delle credenziali che consente l’accesso alle funzionalità della macchina; o bypass dell’autenticazione che consente a un utente malintenzionato di invocare le prestazioni desiderate sulla macchina dell’obiettivo, hanno affermato i ricercatori.

Svantaggio sistemico

Che i difetti, che i ricercatori hanno soprannominato collettivamente OT:ICEFALL in riferimento al Monte Everest e ai produttori di macchine per la montagna devono scalare per sicurezza, esistono dispositivi chiave nelle reti che la gestione di infrastrutture vitali in sé e per sé è abbastanza pericolosa.

Tuttavia, ciò che è peggio è che le carenze potrebbero essere state evitate, poiché il 74% delle famiglie di prodotti interessate dalle vulnerabilità ha una qualche forma di certificazione di sicurezza e quindi è stato verificato prima di essere inviato al mercato, hanno scoperto i ricercatori. Inoltre, la maggior parte di loro avrebbe dovuto essere trovata “in modo relativamente rapido durante la scoperta approfondita delle vulnerabilità”, hanno famoso.

Questa mossa libera che i distributori OT hanno offerto ai prodotti sensibili dimostra uno sforzo persistente e poco brillante da parte dell’azienda nel suo complesso in termini di sicurezza e amministrazione delle minacce, una cosa che i ricercatori sperano di cambiare facendo luce sulla questione, hanno affermato.

“Questi punti variano da pratiche persistenti insicure in base alla progettazione in prodotti certificati di sicurezza a tentativi scadenti per allontanarsi da essi”, hanno scritto i ricercatori all’interno del post. “La proposta [of our research] è un esempio di come la natura opaca e proprietaria di tali tecniche, l’amministrazione subottimale della vulnerabilità che le circonda e il spesso falso senso di sicurezza fornito dalle certificazioni complichino notevolmente gli sforzi di amministrazione delle minacce OT.

Paradosso della sicurezza

Certamente, i professionisti della sicurezza hanno inoltre famoso il paradosso della tecnica lassista di sicurezza dei distributori in un soggetto che produce le tecniche che gestiscono le infrastrutture vitali, attacchi su cui potrebbe essere catastrofico non solo per le reti su cui esistono le merci ma per il mondo in grande stile.

“Si potrebbe erroneamente presumere che la gestione commerciale e la competenza operativa siano gadget che svolgono alcuni dei compiti più significativi e delicati in infrastruttura critica gli ambienti possono essere tra le molte tecniche più strettamente protette sul pianeta, ma il fatto è solitamente l’esatto contrario”, il famoso Chris Clements, vicepresidente della struttura delle opzioni per Cerberus Sentinel, in una e-mail a Threatpost.

Certamente, come evidenziato dall’analisi, “troppi gadget in questi ruoli hanno controlli di sicurezza che sono spaventosamente semplici da sconfiggere per gli aggressori o aggirare per assumere la piena gestione dei gadget”, ha affermato.

I risultati dei ricercatori sono un ulteriore segno del fatto che il business OT “sta sperimentando una resa dei conti sulla sicurezza informatica in ritardo prolungata” che i distributori dovrebbero affrontare all’inizio integrando la sicurezza nella fase più elementare della produzione prima di continuare ulteriormente, ha osservato Clements.

“I produttori di dispositivi con competenze operative delicate dovrebbero intraprendere una tradizione di sicurezza informatica che inizia all’inizio del processo di progettazione e continua fino alla convalida dell’implementazione successiva nel prodotto finale”, ha affermato.

Sfide all’amministrazione delle minacce

I ricercatori hanno delineato alcune delle cause dei punti intrinseci con la progettazione della sicurezza e l’amministrazione delle minacce nei gadget OT che consigliano il trattamento dei produttori in rapida evoluzione.

Uno è la mancanza di uniformità in termini di prestazioni in tutti i dispositivi, il che implica che la loro intrinseca mancanza di sicurezza varia ulteriormente e rende la risoluzione dei problemi sofisticata, hanno affermato. Ad esempio, esaminando tre percorsi principali per ottenere RCE sui gadget della fase 1 tramite prestazioni native – download di logica, aggiornamenti del firmware e operazioni di apprendimento/scrittura di reminiscenza – i ricercatori hanno scoperto che l’esperienza di una particolare persona ha affrontato questi percorsi diversamente.

Nessuna delle tecniche analizzate aiuta la firma della logica e più di 50 PC hanno compilato la propria logica in codice macchina nativo, hanno scoperto. Inoltre, 62 pc delle tecniche si accontentano di download del firmware tramite Ethernet, mentre solo 51 pc hanno l’autenticazione per questa prestazione.

Nel frattempo, in generale, la sicurezza intrinseca della macchina non era direttamente colpa del produttore, ma quella degli elementi “insicuri per progettazione” all’interno della catena di fornitura, il che complica ulteriormente il modo in cui i produttori gestiscono le minacce, hanno scoperto i ricercatori.

“Le vulnerabilità in OT forniscono elementi della catena tendono a non essere segnalate da ciascun produttore interessato, il che contribuisce alle difficoltà di amministrazione delle minacce”, hanno affermato.

Lunga autostrada in avanti

Certamente, la gestione dell’amministrazione delle minacce in gadget e tecniche OT e IT richiede “un linguaggio standard di minaccia”, una cosa difficile da ottenere con così tante incongruenze tra i distributori e i loro metodi di sicurezza e produzione in un’azienda, famoso Nick Sanna, CEO di Lente di rischio.

Per trattare questo, ha esortato i distributori a quantificare la minaccia in termini monetari, che possono consentire ai gestori delle minacce e agli operatori degli impianti di dare la priorità al processo decisionale sulla “rispondere alle vulnerabilità – patch, compresi i controlli, copertura assicurativa crescente – il tutto basato principalmente su una comprensione trasparente della perdita pubblicità per ogni apparato IT e operativo”.

Tuttavia, anche quando i distributori iniziano a gestire le sfide elementari che hanno creato la situazione OT: ICEFALL, devono affrontare un’autostrada davvero lunga per mitigare il lato negativo della sicurezza in modo completo, hanno affermato i ricercatori di Forescout.

“La piena sicurezza in opposizione a OT: ICEFALL richiede che i distributori affrontino questi punti elementari con modifiche al firmware della macchina e ai protocolli supportati e che i proprietari di case di asset applichino le modifiche (patch) nelle proprie reti”, hanno scritto. “Realisticamente, quel corso richiederà davvero molto tempo.”

The Ultimate Managed Hosting Platform

Source link

Continue Reading
Advertisement

Trending